Tag: Travel

24 ore alla scoperta di Birmingham

24 ore alla scoperta di Birmingham

Cosa fare e vedere a Birmingham in un giorno 24 ore alla scoperta di Birmingham Cosa vedere a Birmingham. L’anno scorso a inizio estate ero in Inghilterra per lavoro.  Tra un evento e l’altro io e le mie colleghe abbiamo avuto 24 ore di totale libertà. […]

SANT CUGAT DE VALLES: UNA GIORNATA ALLA SCOPERTA DELL’ARCHITETTURA CATALANA A POCHI KM DA BARCELLONA

SANT CUGAT DE VALLES: UNA GIORNATA ALLA SCOPERTA DELL’ARCHITETTURA CATALANA A POCHI KM DA BARCELLONA

Follow my blog with Bloglovin

Sei in vacanza a Barcellona e vuoi scoprire una nuova città lontana dai classici itinerari turistici?

Allora vieni con me, ti porto a San Cugat des Valles, una graziosa cittadina catalana, a 30 minuti di treno dalla famosa Plaça Catalunya.

post_sancugaat20

Sant Cugat de Valles è un grazioso comune catalano che si trova a pochi chilometri da Barcellona, in 20 minuti prendendo la linea blu della metro, da piazza Catalunya puoi arrivare direttamente nel suo centro cittadino.

Nata come città dormitorio, in pochi decenni grazie alla sua posizione invidiabile è diventata il posto perfetto dove trasferisti. Vicina a Barcellona ma anche al gigantesco parco di Collserola, Sant Cugat ospita da molti anni le famiglie della “Barcellona bene” come si può’ notare dal centro ricco di boutique e negozi eleganti ma anche studenti e sportivi di ogni genere. Anche grazie a questo mix la città ha un’intensa vita notturna che varia dai classici Tapas Bar a locali più’ moderni o in stile shabby.

post_sancugat16

sant_cugat_des_valles107

sant_cugat_des_valles104

Io ho iniziato la mia esplorazione ovviamente con la COLAZIONE!

La più’ famosa pasticceria di Sant Cugat si chiama ” El cafe de la Mirta“. Questo locale in stile shabby si trova sul viale centrale e serve solo torte sono fatte a mano dalla proprietaria. Puoi trovare i classici della tradizione spagnola come gli alfajores ma anche cupcake e torte multistrato. Io vi consiglio la torta Maxima (è quella nella foto qui sotto), erroneamente avevo pensato che il nome era dovuto alle caratteristiche della torta ovvero enorme, altissima, al triplo cioccolato e veramente il massimo nel gusto… e invece Maximo è il nome del figlio, tutto qui!

santcugat4

sant_cugat_des_valles106

post_santcugat27

Finita la colazione dirigetevi, seguendo il viale, alla piazza principale ovvero Placa d’Octavia dove capeggia il bellissimo Monastero Benedettino del sedicesimo secolo. Qui potete visitare uno dei chiostri più importanti d’Europa con i suoi 70 capitelli decorati ma anche una chiesa del dodicesimo secolo, un museo con opere che vanno dal gotico al romano e anche l’utilissimo UFFICIO DEL TURISMO dove potrete richiedere gratuitamente la cartina della città, perfetta per fare il giro di ville ed eremi molto interessanti dal punto di vista architettonico.

 

post_santcugat31

sant_cugat_des_valles101

post_santcugat25

sant_cugat_des_valles102

1. Casa Armet

Primo esempio di modernismo a Sant Cugat lo potete trovare a casa Armet. Bellissima villa con giardino che ricorda le opere di Gaudi in tutto e per tutto. Stupenda la facciata nel suo mix di ceramiche, legno e mattoni che creano delle bellissime linee. Facendo il giro della casa non perdetevi Il mulino a vento e la torre ricoperta di ceramiche.

santcugat10post_sancugat12

sant_cugat_des_valles115

2. Casa Mojica

Proseguendo potete raggiungere Casa Mojica un edificio restaurato in maniera stupenda. Soffermatevi sui dettagli barocchi dell’attico e sulla facciata in stile Noucentista con ceramiche e basso rilievi.
post_sancugat8

3. Cara Mir

Un altro palazzo da sogno in stile modernista e completamente ricoperto di edera è casa Mir. Sembra un castello in disuso con le sue torri e le sue guglie nascoste nella vegetazione. Sperando per voi che il massiccio cancello sia aperto non dimenticate di fargli visita.post_sancugat7

 4. Casa Monaco

Decorazioni floreali e colonne di terracotta per questo edificio modernista restaurato nel 1910. Deve il suo nome al “club Monaco” un famoso locale con piscina nato negli anni 50. Ora ospita una scuola d’arte.

sant_cugat_des_valles112

5. Avignuda de Gracia 27

Anche l’architettura moderna trova spazio a Sant Cugat. Lungo la stessa via degli altri edifici date un occhiata a questo nuovissimo condominio al numero 27. E’ vincitore di numerosi premi.

sant_cugat_des_valles113

6. La casa de Concha

In Carrer de Sant Antoni 21 non perdete la bellissima casa di conchiglie datata 1971.

sant_cugat_des_valles103

Oltre a queste bellissime residenze Sant Cugat ha un interessante centro Culturale e un museo cittadino.

Anche la movida di sera non è da meno. Si parte alle 7 con gli aperitivi in Placa d’Octavia e seguendo la via centrale si può’ scegliere tra numerosi locali.

post_santcugat post_santcugat2

post_sancugat45

post_sancugat44

post_sancugat23

post_sancugat30

post_dsancugat14

img_0262

sant_cugat_des_valles110

E se cercate un locale dove finire la serata il “caffe’ Belgrado” è il posto perfetto. Ristorante ma anche sala da concerti e discoteca il Belgrado è perfetto per fare aperitivo, cena e dopocena. Il cibo è ottimo, la band che suonano sono sempre molto divertenti e la sala dove si balla è molto ampia. Posto super divertente!

post_sancugat40

img_0362

img_0509

 

TRAVEL TIPS:

HOTEL:

Hotel Sant Cugat – Cesar Martinell 2 – Se decideste di fermarvi per una notte, proprio dietro la piazza centrale della città vi consiglio questo hotel. Centrale, pulito, vista ottima dai piani alti e buona anche la colazione. 

FOOD:

Labarra Cugat – Plaza Quatre Cantons 3 – Super consigliato sia come tapas bar che come ristorante. Gazpacho e pesce ottimo, anche i drink buonissimi.

Somewhere – C. Sant Antoni, 56, – Locale moderno molto bello con piatti ricercati e studiati. Perfetto per il brunch e se amate piatti da tutto il mondo serviti in maniera molto chic.

El Meson – Placa Octavia, 6 – Classico tapas bar nella piazza principale. Molto bella la sala interna, locale tipico spagnolo.

El cafe de Mirta – Carrer Villa Number 8 – Colazioni e merende per tutti i gusti. 

Cafe de Belgrado – Rius i Tablet 120 –  Cena e discoteca, locale perfetto per il sabato sera. 

PER INFO:

UFFICIO DEL TURISMO DI SANT CUGAT DES VALLES  – Placa d’Octavia

TURISMO IN SPAGNA 

Avete domande o curiosità su questo viaggio o dovete visitare anche voi la Spagna e avete bisogno di qualche consiglio? Scrivetemi!

Siete curiosi di seguirmi in giro per il mondo?

aggiungetemi su INSTAGRAM  @alessiamorello_

e mettete il LIKE sulla mia pagina FACEBOOK.

Thank you! ♡

WEEKEND IN PUERTO ESCONDIDO? BIENVENIDO! CONSIGLI UTILI CHE VI FARANNO VENIR VOGLIA DI PARTIRE

WEEKEND IN PUERTO ESCONDIDO? BIENVENIDO! CONSIGLI UTILI CHE VI FARANNO VENIR VOGLIA DI PARTIRE

Se pensi che un viaggio a Puerto Escondido in Messico sia quello di cui hai bisogno, questo è il post che fa per te. Foto e consigli su cosa fare durante un weekend a puerto Escondido. L’anno scorso ho attraversato il Messico in lungo e […]

WEEKEND A MILANO: QUALCHE CONSIGLIO SU DOVE ANDARE, COSA VISITARE E DOVE MANGIARE

WEEKEND A MILANO: QUALCHE CONSIGLIO SU DOVE ANDARE, COSA VISITARE E DOVE MANGIARE

“O mia bela madunina, che te brilet de luntan” dalla città della madonnina ecco i miei consigli su cosa visitare e i luoghi da non perdere, sopratutto sul food&beverage. Ho passato 5 anni in questa città e anche se ho deciso di ritornare nel mi amato […]

IL MIO WEEKEND DI COPPIA A VENEZIA TRA OMBRE DE VIN E SARDE IN SAOR

IL MIO WEEKEND DI COPPIA A VENEZIA TRA OMBRE DE VIN E SARDE IN SAOR

Il racconto di un weekend a Venezia un po alternativo, tra aperitivi, cene prelibate e un po’ di storia..

venezia6

 Insomma per una botta di cu-fortuna, di ritorno dal mio viaggio in Messico sono  partita per un weekend a Venezia con il mio lui (huhuuu..).

Il programma era per nulla ambizioso, ovvero gironzolare – mangiare – bere e.. (ma dai) mangiare ancora. Ma alla fine in questo weekend da viveur è uscita anche una bella visita che, se mai voleste seguire il mio itinerario, non ne rimarrete delusi.

Murano_street8

Ah l’arte moderna, quante soddisfazioni. Diciamoci la verità, senza il libro della Biennale con tutte le spiegazioni delle opere, non so come ne sarei uscita tra palloncini giganti di falliche sembianze, sigarette in location poco consone, stanze di ogni colore e materiale, valigie, sacchi, costumi, sculture etc. Insomma mi è piaciuta la Biennale? In realtà non lo so. Sicuramente è una cosa da vedere, unico consiglio se potete spezzate la visita in 2 giorni, il pomeriggio c’è sempre molta gente e soprattutto le facoltà mentali iniziano a venir meno.

venezia1 venezia3venezia2 venezia11 venezia5

La sera per riprenderci siamo finiti a cena in questa bella “osterieta” oltre che bella anche buonissima. L’osteria alla Staffa ha il classico arredamento caldo in legno scuro, i tavoli ravvicinati e le candele sui tavoli. Se ci penso, riesco ancora ad assaporare quel fantastico flan (mmmmh..), e anche il carpaccio di tonno, gli spaghetti alle vongole, i dolci fatti da loro… ok la smetto (bava).

murano_street9 venezia22venezia14

Non dimentichiamoci che vicinissimo c’è anche quello che abbiamo votato all’unanimità come il nostro Bar preferito di Venezia il “Simson”, trovato casualmente dopo l’ennesima via sbagliata (e menomale) ci ha risolto ogni sera la questione “ma dove si va a fare l’ape?” Ovviamente li!

Il teatro la Fenice, se riuscite a prenotare anni luce prima, forse, trovate anche un biglietto ad un prezzo umano, in caso foste (dei poracci) come noi, evabbuo’, prendete la famosa audioguida e vai di pulsantini! La visita è molto interessante e gironzolando dalla platea fino alla palco reale potete ripercorrere tutta l’affascinante storia di questo teatro.

Il pomeriggio è praticamente volato tra la visita al palazzo Ca’ Rezzonico, grande quanto sontuoso, gironzolando per i quartieri storici di Venezia come Dorsodure, Cannoneggio e bevendo aperitivi in tipiche hostarie accompagnate dai famosi cicchetti (le tapas veneziane).

venezia13

Per l’ultimo giorno ci siamo tenuti una vera chicca, la visita al Palazzo Ducale in Piazza San Marco con visita guidata ai percorsi segreti del Doge.

venezia_edifici

Con un gruppetto di 20 persone ci siamo inabissati sotto il livello del mare camminando lungo i piombi, le famose prigioni di Venezia, per poi risalire in verticale tutto il Palazzo Ducale lungo percorsi segreti. Siamo entrati in finti armadi ed usciti nella stanza delle torture, abbiamo visitato le sale del consiglio dei tre, e quelle private del doge. Ripercorso la storia e visitato i luoghi dove il famoso Casanova venne incarcerato fino alla sua evasione dalla cella nel sottotetto. Insomma una visita che incuriosisce ed emoziona. Consigliatissima.

Per non farci mancare niente e sfruttare l’abbonamento che avevamo oramai fatto, il pomeriggio prima di rientrare a casa, abbiamo deciso di fare una camminata a Murano, anche se le temperature non erano del tutto clementi l’isola è molto carina, impossibile non scattare foto tipo modalita’ cinese ON.

murano_street12
murano_street9

E cosi’ si sono conclusi questi 3 giorni nella laguna Veneziana, tra ombrete de vin, sarde in suor e il perdersi tra vicoli e calle. Arte moderna, antica, liberty e rococo. Chiacchierate tra turisti e cene romantiche, eh vabbe’,  Venezia è sempre Venezia e il fatto che sia qui nel mio nord-est hai miei occhi, la rende ancora piu’ bella, anche con quell’acqua che dicono che non è acqua, con lo spritz che no, non è un aperitivo e con le barchette dei locali che..oh, qui funziona cosi!

murano_street10 venezia8Murano_street3venezia4

ITINERARIO: Ci siamo tenuti tutto il sabato per visitare la Biennale, la domenica San Marco, Ca’ Rezzonico, il Teatro la Fenice e i quartieri di Dorsodure, Accademia e Cannareggio, mentre il lunedì mattina avevamo prenotato la visita “i percorsi segreti del Doge” a Palazzo Ducale e una camminata a Murano nel primo pomeriggio per poi rientrare entro sera in treno.

ACCOMODATION: Hotel il Castello. A due passi da Piazza San Marco, lo stile rococò e liberty invade tutto l’albergo (aiuto), ma alla fine siamo a Venezia quindi impossibile scamparla! La stanza e il bagno (con la finestra, miracolo) erano sempre pulite, colazione all’italiana onesta ed inclusa nel prezzo. Ottima sistemazione, consigliatissima!

FOOD AND DRINK:

Bar Ostaria Simson, Fondamente dei Felzi, 6316 – Perfetta per l’aperitivo, titolare molto simpatico, aperitivi ottimi.

Osteria alla Staffa, Sestriere Castello 6398 – Consigliassimo, cibo molto buono, pesce ottimo, servizio eccellente, prezzo giusto.

Pizzeria Aciugheta Campo SS Filippo e Giacomo 4357 – Cara e personale scontroso. La pizza era buona ma decisamente troppo cara.

Osteria Ruga di Jaffa, Castello 4864 – Perfetta sia per cene che per aperitivi e cicchetti (molto buoni). Consigliata, prezzi non cari.

Pizza al trancio Arte della pizza, cannareggio 1861 – La miglior pizza al trancio della mia vita. Non serve dire altro.

La sera ci siamo fermati casualmente in un osteria che abbiamo promosso a pieni voti e non solo grazie alle canzoni di Peppino di Capri che ci hanno accompagnato durante tutto l’aperitivo

TIPS: I costi dei battelli sono molto cari quindi se pensate di usarne vari, vi conviene fare l’abbonamento. Nelle osterie si mangia da Dio, non disdegnatele solo perché non hanno un arredamento all’ultimo grido. Mettetevi l’anima in pace, vi perderete. Spesso. Punto. Quindi consiglio quando succederà, e succederà, entrate in hostaria ordinate un un taglietto di vino, dopo tutto andrà alla grande. I cicchetti sono delle porzioncine, ovvero le tapas veneziane, tutte da provare!

venezia_panorama1

24 ORE A KUALA LUMPUR: ECCO COSA FARE

24 ORE A KUALA LUMPUR: ECCO COSA FARE

La prima volta che andai in Malesia era anche una delle prime volte che viaggiavo oltre oceano. Tra Internet zoppicante, hotel “in the middle of nowhere”  e giornate di lavoro praticamente full,  per mia sfortuna non avevo avuto la possibilità di “godermi” molto la città. Ricordo che guardavo paesaggi così’ […]

12 ORE A MELBOURNE: CONSIGLI DI VIAGGIO

12 ORE A MELBOURNE: CONSIGLI DI VIAGGIO

Ore 9.00 – CHAPEL STREET FOR BREAKFAST Svegliarsi la mattina e trovarsi dall’altra parte del mondo già dovrebbe bastare per far partire al massimo la giornata ma se questo non vi basta, recarsi in Chapel Street è un ottimo punto di partenza

ST. KILDA, MELBOURNE: LE MIE FOTO E LA STORIA DI UNO DEI QUARTIERI PIU’ BELLI DI QUESTA CITTA’

ST. KILDA, MELBOURNE: LE MIE FOTO E LA STORIA DI UNO DEI QUARTIERI PIU’ BELLI DI QUESTA CITTA’

Qualche kilometro a sud di Melbourne in Australia, potete trovare uno dei quartieri più’ belli della città, ST. KILDA (altro…)

AUSTIN, TEXAS: UNA SETTIMANA TRA GHOST CITIES, VINTAGE SHOPS E PARTY SULLA 6TH STREET

AUSTIN, TEXAS: UNA SETTIMANA TRA GHOST CITIES, VINTAGE SHOPS E PARTY SULLA 6TH STREET

Se non siete mai stati in Texas questo post vi farà sicuramente venire voglia di partire e conoscere una delle città più’ belle del profondo sud degli USA. Ci sono 5 cose che non puoi tralasciare quando pari di Austin: il SO.CO district con i […]