Tag: cosa fare in friuli

ESPLORANDO LA  “VILLACHER ALPENSTRASSE” | TREKKING E VISTE MOZZAFIATO SULLA STRADA ALPINA DI VILLACH

ESPLORANDO LA “VILLACHER ALPENSTRASSE” | TREKKING E VISTE MOZZAFIATO SULLA STRADA ALPINA DI VILLACH

Alla scoperta della strada più alta di Villach dove potrai godere della vista sulle Alpi Giulie Italiane e Slovene e delle Caravanche austriache salendo comodamente con tutta la famiglia in auto lungo  i 16 km di questa strada alpina.   ^^^ Area di sosta sulla triplice […]

TREKKING FINO AL BIVACCO LOMASTI DA CASON DI LANZA | E al ritorno.. un piatto di gnocchi in casera!

TREKKING FINO AL BIVACCO LOMASTI DA CASON DI LANZA | E al ritorno.. un piatto di gnocchi in casera!

Una bellissima camminata con panorami mozzafiato partendo dalla casera Cason di Lanza ( Pontebba / Friuli Venezia Giulia )  percorrendo il sentiero del formaggio e la creta di Aip fino al Bivacco Lomasti.   Un trekking abbastanza semplice che vi permetterà di raggiungere il confine […]

Gita al lago di Barcis + visita ai borghi di Poffabro, Frisanco e Andreis – Tutte le INFO

Gita al lago di Barcis + visita ai borghi di Poffabro, Frisanco e Andreis – Tutte le INFO

Una giornata di sole alla scoperta dell’incantevole lago di Barcis, una camminata lungo la vecchia strada del Cellina e anche una visita al borgo dei borghi: Poffabro.

 

 

E’ domenica mattina, siamo ancora a letto. Non sappiamo bene che ora è. Aprile dolce dormire, anche perchè ormai la neve si sta sciogliendo, ma non abbastanza rapidamente per iniziare con le grandi camminate, quindi eccoci qui. A decidere dove andare all’ultimo, partendo con lentezza e una tazza di caffè sotto al piumone.

 

Benvenuta domenica di sole e primavera. Le giornate sono più lunghe anche se il vento è frizzantino. Avevo sentito che durante questo weekend aprono la vecchia strada della Valcellina. La si può transitare a piedi o in bicicletta, basta avere un caschetto protettivo. Bene, si parte!

 

 

Arriviamo al Ponte Antoi e troviamo parcheggio. Una foto su questo ponte è d’obbligo. Da qui si possono gustare tutte le vette circostanti ancora sporche di neve. Sembra di essere in Colorado invece che in Friuli Venezia Giulia.

Con 3 euro prendiamo i biglietti per accedere alla vecchia strada della Val Cellina. Fu inaugurata nel 1906 e prima dall’ora i diecimila abitanti della zona erano totalmente isolati. Solo un piccolo sentiero impervio, il Val de Crous, collegava la Val Cellina alla pianura.

Quando partirono i lavori per costruire l’impianto idroelettrico che avrebbe dato energia sia al Veneto che al Friuli, si iniziò anche a creare la strada a colpi di dinamite. La vecchia strada della Val Cellina si può percorrere da Molassa al ponte Antoi (o viceversa) ma a causa di frane e sassi che spesso cadono dall’alto, è abbastanza pericolosa e quindi visitabile solo in giornate prestabilite (controllate quando QUI).

 

LA CAMMINATA

Una lenta camminata lungo la strada che si snoda di fianco alla gola che ospita il torrente Cellina. Questo di un blu eccezionale, scorre lento e grazie al suono delle acque e degli uccellini, ti porta direttamente in un altra epoca.  Si cammina sotto gallerie e massi sporgenti, si può addirittura fare una piccola ferrata che porta al ponte Tibetano di Barcis. Da qui potrete vedere le acque del fiume proprio sotto i vostri piedi. Incantevole.

Io di ferrate ne ho fatte, e molto più avventurose, mentre Simone non ama stare appeso da nessuna parte quindi, proseguiamo dritto e dopo il nostro giro torniamo verso il lago di Barcis.

 

IL GIRO DEL LAGO

Una comoda passerella permette di fare parte del giro del lago mentre dall’altro versante vari sentieri vi porteranno in su per godere della vista delle acque dall’alto o in giù, verso la riva,  e in questo modo costeggiare il lago in tutta la sua lunghezza.

Noi a metà eravamo già fermi in quel bellissimo chioschetto di legno vista lago a rimpinzarci di formaggi e ricotta affumicata di produzione loro. Unica sfortuna della giornata “serviamo solo acqua!”. Neanche un buon bicchiere di bianco per accompagnare quelle delizie e allora andiamo, proseguiamo, andiamo a cercare da bere! 

 

 

POFFABRO, FRISANCO E ANDREIS

 

Siamo partiti presto e di conseguenza abbiamo finito il giro presto. Oggi non abbiamo voglia di grandi avventure, ore di camminata, stivali infangati  o pranzo al sacco. Cosa si fa?

Era parecchio che sentivo parlare di Poffabro, il  borgo dei borghi ma anche degli incantevoli Andreis e Frisanco,  che da Barcis distano pochissimo,  un peccato non farci una scappata.

 

Poffabro è uno dei borghi più belli d’Italia e sorge a 525 metri d’altezza in un versante delle Prealpi Carniche. Grazie alle sue caratteristiche architettoniche uniche è un gioiello tutto da scoprire.  Le corti sono formate da case costruite su più piani tutte realizzate con pietra tagliata al vivo, ricche di scale, ballatoi e balconi in legno dal sapore antico che creano un gioco di movimento lasciando il turista in un magico incanto. Anche se gli edifici sono uno vicino all’altro, la ricchezza di pilastri, archi in sasso e passerelle in legno hanno un non so che di armonioso che si sposa perfettamente con il paesaggio circostante. 

 

Frisanco è altrettanto bello e caratteristico. Situato ai piedi dell’imponente monte Raut nella Val Colvera con le sue viuzze strette ci ha letteralmente rapito. La chiesa semplice e centrale lascia spazio a decine di vie in ciottolato e gli edifici dai tagli incantevoli si stagliano davanti a noi incorniciati dai monti. I famosi scalpellini con le loro tecniche hanno creato un capolavoro artigiano creando un vero e proprio museo a cielo aperto sopravvissuto anche al terremoto del 76.

Infine Andreis, anche qui tanta pietra tagliata e legno in un indissolubile abbraccio. Due materiali duri ma bellissimi proprio come i paesaggi da queste parti. Luoghi ricchi di storia che mi hanno fatto passare una domenica tra passeggiate e curiosità sulla nostra piccola regione.

E voi? Ci siete mai stati?

 

 

HEY!

SE HAI LETTO IL MIO ARTICOLO LASCIAMI UN COMMENTO QUI SOTTO

E FAMMI SAPERE NE PENSI! 

 

Baci, Alessia

 

ORRIDO DELLO SLIZZA A TARVISIO – UNA CAMMINATA PER TUTTA LA FAMIGLIA

ORRIDO DELLO SLIZZA A TARVISIO – UNA CAMMINATA PER TUTTA LA FAMIGLIA

In località Boscoverde a Tarvisio, nel mio amato Friuli, è possibile fare un camminata lungo un torrente alpino da un colore così puro e azzurro da non poterci credere.   QUALCHE INFORMAZIONE Il torrente Slizza durante i suoi centinaia di anni di attività ha creato […]

CIASPOLATA FACILE DA CLEULIS A CASERA TIERZ || ALLA SCOPERTA DEL BOSCO BANDITO

CIASPOLATA FACILE DA CLEULIS A CASERA TIERZ || ALLA SCOPERTA DEL BOSCO BANDITO

Ciaspolata semplice in Friuli Venezia Giulia partendo da Cleulis direzione Casera Lavareit per poi seguire i cartelli verso casera Tierz bassa. In un ora e mezza di ciaspolata si raggiunge un panorama mozzafiato. Eccolo.     CIASPOLATA FACILE DA CLEULIS A CASERA TIERZ || ALLA […]

TREKKING NELLE DOLOMITI FRIULANE: IL CAMPANILE IN VAL MONTANAIA

TREKKING NELLE DOLOMITI FRIULANE: IL CAMPANILE IN VAL MONTANAIA

Ciao a tutti!!

Sono contentissima di pubblicare questo video post per molti motivi.

 

  1. Era parecchio tempo che non riuscivo a fare una piena giornata di solo Trekking, quindi me la sono goduta da morire.
  2. Volevo vedere il Campanile di Val Montanaia da ANNI. E’ uno dei simboli del nostro Friuli e con quei bellissimi video che fa la regione (qui – FVGLive – ) ogni volta che si inquadrava il campanile ero super curiosa di andarci anche io.
  3. Prima o poi  (altro…)
Camminate in Carnia: gli stavoli di Orias e Pesariis, paese degli orologi

Camminate in Carnia: gli stavoli di Orias e Pesariis, paese degli orologi

Una giornata alla scoperta della Valle del tempo, anche conosciuta come Val Pesarina. Famosa fin dal ‘700 per la costruzione di orologi oggi è un bellissimo borgo tutto da scoprire con ottime osterie, un museo sull’arte orologiaia e un sentiero che si snoda lungo tutto […]