Trekking da Borgo Costa a Malga Ungarina | Venzone

Una bellissima camminata ad anello che da Borgo Costa sopra Venzone in due ore di salita ti porta a Casera Ungarina e la sua bellissima vista sul Tagliamento, sulla Val Venzonassa e la catena del monte Cjampon.

^^^ Si parte da qui! Siamo arrivati a Venzone e abbiamo preso via pragjel. Abbiamo proseguito fino a Borgo Costa dove abbiamo trovato questo cartello e un piccolo parcheggio per 5/6 macchine. Se qui non ci fosse posto proseguite (c’è una discesa) e prima della galleria troverete un altro parcheggio. ^^^

^^^ Partiamo dunque da Borgo costa a 514 metri lungo il sentiero CAI 705a. Il cartello segna 2 ore di salita per raggiungere Casera Ungarina ^^^

^^^ Il sentiero è ben tenuto ma a tratti abbastanza faticoso, sopratutto perchè è parecchio che non andiamo in montagna ^^^

^^^ La felicità di trovarsi su un sentiero dopo 2 mesi di stop ^^^

^^^ Già alla partenza la vista sul Cjampon e la sua catena è ottima ^^^

^^^ Ovviamente con noi c’è anche Giorgino ^^^

^^^ Inizia la salita… e ci farà sputare pallini! ^^^

^^^ Dopo un’ora (anche se il cartello segna mezz’ora) abbiamo incrociato il sentiero CAI 705 che si può usare per scendere fino a Venzone ^^^

^^^ Ennesima pausa per tirare fiato ^^^

^^^ Proseguiamo sul CAI 705 in salita per un altra ora e mezza ^^^

^^^ Finalmente riusciamo a scorgere Casera Ungarina ^^^

Pantaloni da trekking @thenorthface  – scarpone @LaSportiva

^^^ Sopra di noi la vista sul monte Plauris avvolto nella nebbia ^^^

^^^ Siamo usciti dal bosco dopo un’ora e mezza buona di fatica. La vista è spettacolare ^^^

^^^ Giorgino si è messo a guardare il panorama anche lui con la sua zampa sopra “la mia” ^^^

^^^ Zampa su zampa 😀 ^^^

^^^ Iniziamo l’ultimo tratto di salita lungo il sentiero che taglia il fianco della montagna ^^^

^^^ Siamo usciti dal bosco ed ecco Simone e Giorgino che si godono il panorama su Venzone, il fiume Tagliamento e le vette circostanti ^^^

 

Cerchi camminate di media difficoltà come questa? 

DAI UN OCCHIATA A QUESTO POST 

 

^^^ Vista niente male da quassù!!! ^^^

^^^ Ecco finalmente i tetti di Casera Ungarina ^^^

^^^ Abbiamo legato Giorgino perchè in zona casere tende a rotolarsi nel letame o peggio 😀 ^^^

^^^ Ma quanto sono belli? ^^^

^^^ La vista da Casera Ungarina, da qui si può proseguire per la cima del monte Plauris oppure a Malga Confin ^^^

^^^ Stupendo! ^^^

^^^ Ora superiamo le Casere e troviamo un posto per pranzare ^^^

Pantaloni @Salomon – Scarponi @Salomon

^^^ Il laghetto sopra Casera Ungarina e dietro Simone si può vedere Malga Confin ^^^

^^^ In lontananza il monte Cima dei Campo 1761 m ^^^

^^^ Finalmente si magna!!! ^^^

^^^ Dopo aver pranzato iniziamo la discesa lungo la strada ^^^

 

^^^ La strada è a tratti asfaltata e a tratti sterrata ^^^

^^^ Purtroppo Malga Confin è chiusa così decidiamo di non andare fino a là ^^^

^^^ Ci abbiamo messo 1 ora e 40 a scendere lungo la strada ^^^

^^^ Anche qui la vista è super! ^^^

^^^ Quando arrivate alla galleria siete praticamente arrivati ^^^

^^^ Sono un po’ provata 😀 ^^^

^^^ Selfie di fine giro ^^^

 

^^Vi ricordo che sulla mia pagina instagram @theitaliansmoothie ci sono i video di tutte le camminate dell’ultimo anno con tutte le info. ^^

 

Domenica.

Tempo incerto.

.

Dopo due mesi che non adiamo in montagna “te pareva” se il tempo non faceva schifo.

Guardiamo le previsioni che però non danno pioggia così carichiamo tutto in macchina e decidiamo di partire.

Destinazione Venzone. 

.

TREKKING A CASERA UNGARINA – VENZONE

.

Raggiungiamo Venzone di buon ora.

Noi, tranne in piena estate, non partiamo mai tanto presto ma qui abbiamo preferito arrivare di mattina presto per non rischiare di rimanere senza parcheggio. 

.

Superato il centro di Venzone prendiamo via Pragjel, superiamo il primo cartello CAI che troviamo sulla sinistra e saliamo ancora fino a Borgo Costa a 514 mt dove troviamo il cartello CAI con la partenza del sentiero 705a e il posto per 5/6 macchine.

.

Il tempo di parcheggiare e partire che il parcheggio si era completamente riempito e le macchine che sono arrivate dopo sono dovute scendere fino alla galleria dov’è c’è posto per altrettante auto.

.

So già che sarà dura. 

È 2 mesi che sia io che Simone non veniamo in montagna. Questa salita ce la farà pagare tutta.

Prendiamo il sentiero CAI 705a che parte subito in salita. Continua in salita e finisce in salita.

Fine. 

.

Hahah no dai scherzo 😀

.

SI SALE

.

Saliamo lungo un bel sentiero immerso in un bosco di faggi, saliamo parecchi gradini di roccia, evitiamo grosse radici che ci potrebbero far inciampare  e ci fermiamo spesso per tirare fiato.

Sono proprio fuori allenamento.

La cima mi sembra LONTANISSIMA. 

.

Dopo un ora, incrociamo il sentiero CAI 705 che porta a sinistra verso Borgo Sottomonte a Venzone e a destra verso Casera Ungarina.

.

Mi demoralizzo un po’ perchè ci abbiamo messo un ora ad arrivare qui mentre la segnaletica CAI segna mezz’ora.

Sono preoccupata per la restante ora e mezza che manca alla cima… ci metterò 3 ore?? Speriamo di no.. 

.

Per tirarci su il morale Simone mi dice di spulciare dentro il suo zaino a caccia di qualcosa di buono.

E infatti era così!

.

Ecco una cioccolata Ritter alla menta dimenticata nello zaino dall’ultima ciaspolata al rifugio Nordio. Facciamo fatica a non mangiarcela tutta.

È più buona di un after eight.

.

CASERA UNGARINA

.

Alla fine la parte più dura è stata proprio la prima ora.

Il sentiero è veramente ben curato, mai troppo esposto e il panorama è incantevole. 

.

Noi abbiamo beccato una giornata non bellissima e purtroppo le cime lontane sono avvolte dalla foschia ma sono sicura che in una giornata limpida la vista deve essere ancora più pazzesca.

.

Raggiungiamo Casera Ungarina a 1296 m e incontrano finalmente qualche altro essere umano che ha fatto lo stesso itinerario nostro ma al contrario.

.

Leghiamo Giorgino al guinzaglio perchè, conoscendolo, intorno a una casera trova sempre qualcosa di sfizioso e puzzoso su cui rotolarsi. 

 

Neanche detto.

Neanche in tempo a legarlo che cerca di tuffarsi nel laghetto sopra la Casera.

.

Dovevate vedere la scena. 

Giorgino che parte. Il cordino del guinzaglio che scorre. Giorgino che è già con le zampe nella melma del laghetto, io che urlo a Simone e lui che con le mani cerca di tenere il cordino che ormai si è completamente srotolato.

.

Giorgi che tira da una parte, Simone che con tutte due le mani tira dall’altra e la melma che mi guarda e fa ” HAHAHAHAHAHA TI TOCCA LAVARE IL CANE UN ALTRA VOLTA QUESTA SETTIMANA TIE’!!! “

Dopo un tiro alla fune non indifferente riusciamo a tirar fuori Giorgi dalla pozza. Ora è metà cane, metà lerciume. Evviva. 

.

Troviamo un posticino tranquillo dove mangiare i panini (buonissimi, bravo Simo!) e anche se è presto decidiamo di scendere subito e non andare fino a Malga Confin, che si trova ad appena mezz’ora di cammino su comoda strada sterrata dato che è ancora chiusa.

Per non fare andata e ritorno sullo stesso sentiero per scendere prendiamo la strada che in un ora e 40 ci riporta dove abbiamo lasciato l’auto.

.

In estate, quando Malga Confin è aperta, potete salire lungo questa strada anche in auto. 

.

END

.

Questa è proprio una bella camminata di media difficoltà con veramente un bel sentiero e dei panorami pazzeschi.

.

Chi ha bambini o chi non è tanto allenato può salire e scendere tramite la strada che sale in maniera più graduale. 

 

 


SEGUIMI SU INSTAGRAM E FACEBOOK @THE ITALIAN SMOOTHIE 


INFO DELLA CAMMINATA AD ANELLO DA BORGO COSTA A VENZONE A CASERA UNGARINA:

 

Partenza: Borgo Costa, Venzone, UD, Friuli Venezia Giulia.

Arrivo: Casera Ungarina

Tempi: 4 ore

Sentiero: CAI 705a + CAI 705 + strada sterrata ben visibile

Dislivello: 900 m

Difficoltà: media.

Adatta a chi: il sentiero non è esposto ma sono comunque due ore di salita quindi è adatto ad adulti o ragazzi abituati a camminare. Se avete bambini potete salire e scendere dalla strada forestale ovvero la strada che in estate, quando Malga Confin è aperta, potete fare anche in auto.

 


ACQUISTI PER LE TUE PROSSIME ESCURSIONI QUI:

 

le mie scarpe Salomon da trail le trovi a questo link: https://amzn.to/2yVtjPY 

I miei scarponi Salomon a questo link: https://amzn.to/2TbMtYO 

Il mio zaino estivo Salomon a questo link: https://amzn.to/2Ts1iXl 

lo zaino leggero da escursionismo che uso a questo link: https://amzn.to/2X3ERvn

la cartina per questa passeggiata a questo link: https://amzn.to/2LEW59X 

 

il gancio per zaino per portare la reflex in montagna a questo link: https://amzn.to/2WZ0xWv 

lo zaino di Simone a questo link: https://amzn.to/31GyLPU

gli scarponi La sportiva che usa Simone li trovi a questo link: https://amzn.to/2MOFp1s 

 

Zaino porta bimbo a questo link: https://amzn.to/2RyBo1z

l’orologio che misura altitudine e gps a questo link: https://amzn.to/2FgkcJt

la macchina fotografica che uso a questo link: https://amzn.to/31CewmD

Power bank che mi porto sempre dietro a questo link: https://amzn.to/2J1Efwv

 

 

OPPURE USA QUESTO LINK: 

 

 


SEGUIMI SU INSTAGRAM @THE ITALIAN SMOOTHIE

E SEGUI LA MIA PAGINA FACEBOOK @THE ITALIAN SMOOTHIE 

Share this:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *