Trekking ad anello della Creta di Timau | Vacanze in Carnia ep. 5

Una bellissima e lunghissima camminata ad anello che in 7 ore e mezza permette di fare il giro attorno alla Creta di Timau seguendo il CAI 402 e partendo dal centro di Timau, frazione di Paluzza (Friuli Venezia Giulia).

^^^ La partenza del sentiero si trova vicino al ristorante messicano uscendo da Timau centro sulla destra. ^^^

^^^ La partenza del sentiero ^^^

^^^ Dai Simone come hai deciso di complicarci la vita oggi? Ah vuoi allungare il giro andando verso i laghetti dove non c’è niente da vedere! Ma certo perchè no! 😀 ^^^

^^^ Resti della prima guerra mondiale ^^^

^^^ Ecco casera Pal Grande di sotto con una bella sorpresa per noi.. ^^^

^^^ Quando gli ho fatto la foto dovevo capirlo che era incavolata nera questa mucca?! Bhe non l’ho capito.. ^^^

^^^ Io continuo incurante della sua faccia arrabbiatissima a fare qualche foto prima di venire mezza inseguita dalla suddetta mucca che non tollera granchè gli sconosciuti ^^^

^^^ Fortunatamente la casera è chiusa con le mucche fuori cosi’ entriamo e riusciamo a sorpassare il “blocco” ^^^

^^^ Notare come le mucche ci guardino inferocite.. che paura!! ^^^

^^^ E mentre ce la teliamo alla grande la mucca incavolata continua a tenerci d’occhio. ^^^

^^^ Non molla eh!! ^^^

^^^ Dopo un oretta raggiungiamo il primo bivio e continuiamo sempre sul 402 ^^^

^^^ Superiamo anche i resti di un edificio militare ancora in buone condizioni ^^^

^^^ Siamo arrivati dopo un altra ora alla casera Pal Grande di Sopra ^^^

^^^ Tenuta benissimo ci si puo’ anche dormire visto che ci sono letti e materassi ^^^

^^^ La camminata prosegue ed ecco la Creta di Timau sulla destra ^^^

^^^ Oh no! Altre mucche! ^^^

^^^ Il sentiero è uno spettacolo guardate che bellezza! ^^^

^^^ Anche queste non saranno molto gentili ma almeno non ci hanno dato contro”

^^^ Si inizia la salita più faticosa della giornata, dobbiamo arrivare fin lassù ^^^

^^^ Che vista ragazzi! ^^^

^^^ WOW! ^^^

^^^ Il laghetto nel versante austriaco ^^^

^^^ La Creta di Timau e il sentiero che sale lungo la cresta, bellissimo! ^^^

^^^ Ora si scende! Guardate come si vede bene il sentiero da qui! ^^^

^^^ Ecco il lago Avostanis e guardate quanta gente! ^^^

 

 Vi potrebbe interessare anche il post del bellissimo ” Trekking ai laghi d’Olbe sopra Sappada” clicca QUI per leggere il post. 

 

^^^  Si scende! Abbiamo giusto 1000 metri di dislivello ancora da fare… ma almeno in discesa! ^^^

^^^ La strada che scende dal lago Avostanis verso Malga Pramosio facile e larga e adatta anche ai bambini ^^^

^^^ Simone e Giorgino 😀 ^^^

^^^ In questo frame preso a caso potete notare un cane che si lancia dentro la fontana pensando che non sia così alta e Simone che gli dice di tutto 😀 hahahah ^^^

^^^ La chiesetta e il Gamspitz sullo sfondo ^^^

^^^ Arrivati a malga Pramosio che è piena di gente così scappiamo via veloci ^^^

^^^ La mucca con la macchia a forma di cuore ma quando è bella??? ^^^

^^^ Si prende il sentiero dei pastori dove non incontriamo nessuno ^^^

^^^ Da malga Pramosio ci mettiamo un ora e mezza per arrivare a Timau ^^^

^^^ Vuoi non suonare la campana? 😀 ^^^

^^^ Quasi arrivati a destinazione, sopra di noi il Gamspitz ^^^

^^^ Ecco Timau e la Valle del But ^^^

^^^ Dite che il paese si è vestito a festa per Simone e Giorgino? 🙂 Cmq siamo arrivati! ^^^

 

Quinto episodio della saga “Vacanze in Carnia 2019”, se vi siete persi gli altri episodi date un occhiata al primo post cliccando QUI.

 

Altro giorno di vacanza, altra giornata di trekking.

 

Oggi abbiamo in programma di fare tutto l’anello della Creta di Timau lungo il CAI 402 che parte appunto dal centro di Timau 802 m, passa per la Casera Pal Grande di sotto, il Ricovero Casera Pal Grande di sopra a 1705 m, lungo la linea di confine italo-austriaca, scende al lago Avostanis 1936 m, Malga Pramosio 1521 m e attraverso il sentiero dei pastori ci riporta a Timau.

 

Questa camminata avrà un leitmotiv: le mucche aggressive. 

 

SI PARTE!

 

Lasciamo la macchina davanti alla chiesa centrale di Timau e andiamo a piedi verso il ristorante messicano. Prima del ristorante sulla destra si scorge l’inizio del sentiero. 

 

Perché vogliamo complicarci la vita, invece di salire semplicemente lungo il 402, decidiamo di scendere verso i laghetti e risalire lungo il sentiero storico sulla nostra cartina segnato sotto il 100 mentre in loco non troviamo nessuna segnaletica con questo numero, vabbè.

 

Difficile perdersi qui ma intanto abbiamo perso un ora per vedere niente di storico ma bensì farci pungere da mille mila ortiche.

Ci ricolleghiamo al sentiero di prima prendendo il 401 dove viviamo un’avventura che non augurerei a nessuno. 

 

CASERA PAL GRANDE DI SOTTO E LE MUCCHE ASSASSINE

 

Come avete  visto dalle foto qui sopra abbiamo avuto un vero e proprio problema con questa mucca che non voleva farci passare. E il sentiero passava proprio di fianco alla casera dove le mucche erano sparpagliate.

 

Questa mucca aveva un fare minaccioso già da lontano, la guardavamo ma non avremmo mai immaginato tanta aggressività. 

Comunque col senno di poi la faccia incazzata ce l’aveva proprio!

 

Simone che camminava davanti a me si ferma perchè la mucca è appunto incavolata nera e lui ha Giorgino attaccato con il guinzaglio alla cintura.

Passo io tranquilla, sicura che non mi avrebbe fatto niente. 

Ecco, niente di più sbagliato. 

 

Io vado a sinistra la mucca si sposta a sinistra, io arretro lei avanza, cerco di dribblarla sbuffa e mi fa muro… non è proprio una bella situazione..

Torno indietro e con Simone decidiamo di aggirare l’ostacolo, anche perchè ci sono veramente troppe mucche e iniziare a correre nel mezzo del branco non ci sembra una grande idea.

 

Tutta intorno alla casera l’erba è altissima e non si capisce cosa ci sia sotto.

Faccio il segno della croce, spero non ci sia un metro di letame e avanzo immersa nelle piante cercando di guadagnare il dietro della casera.

 

La mucca mi guarda male ma non mi insegue così quando vedo che il centro della casera è chiuso e le mucche sono tutte fuori chiamo Simone, faccia entrare anche Giorgino e sfiliamo indisturbati “dentro casa loro”.

 

La mucca aggressiva sapete che fa??

Cerca di caricarci dalla parte opposta dell’abbeveratoio!

Mamma mia che carattere.

 

Usciamo dalla casera e a passo spedito ci allontaniamo con ancora la stessa muccaccia che ci controlla da dietro la spalle. 

 

VERSO CASERA PAL GRANDE DI SOPRA

 

Affrontato il pericolo continuiamo la nostra camminata e in un oretta raggiungiamo i resti di un edificio militare.

Dopo un altra ora raggiungiamo il bellissimo ricovero di Casera Pal Grande di Sopra dotato di panche, sedie, camino e letti con materassi per dormire.

 

Passiamo veloci oltre questa bellissima struttura e dopo aver incontrato ancora mucche, mucche e ancora mucche (se vi siete persi i video potete guardarli nelle stories in evidenza su Instagram nella sezione “summer Treks” @theitaliansmoothie) ci ritroviamo proprio sotto la Creta di Timau, faccia a faccia con la salita più faticosa di giornata.

 

La camminata è resa più piacevole dal fatto che dietro di noi il panorama è mozzafiato e il sentiero è foderato di piccoli fiorellini multicolore.

La vista è così bella che appena raggiungiamo un posticino in alto, decidiamo di mangiarci un panino e tirare fiato.

 

RAGGIUNGIAMO IL PUNTO PIÙ ALTO DI OGGI

 

La camminata di oggi è parecchio lunga così quando passiamo lungo il confine sotto cima Avostanis decidiamo di non salire fin lassù ma di continuare lungo il 402 e raggiungere lago. 

Il lago Avostanis è uno spettacolo. 

 

Oggi pullula di gente perché è ferragosto.

Molte famiglie sono venute quassù per fare un picnic mentre molti adulti si arrampicano sulle pareti di roccia intorno al lago.

 

SI SCENDE!

 

Per i nostri gusti c’è troppa gente così decidiamo di scendere senza fermarci da nessuna parte.

 

La strada sterrata che scende dal lago è larga e semplice, anche un po’ noiosa se vogliamo dirla tutta ma nel marasma di gente che sale, probabilmente dopo aver ingurgitato antipasto-primo e secondo a Malga Pramosio, riusciamo a farci qualche risata tra signore che salgono in ciabatte e bambini che urlano che “la montagna gli fa schifo” 😀

 

MALGA PRAMOSIO E IL SENTIERO DEI PASTORI

 

Raggiungiamo malga Pramosio che scoppia di gente. 

Teliamo via veloci e ci lanciamo giù per il Sentiero dei pastori. 

 

Un sentiero in mezzo al bosco foderato di aghi di pino dove rischiamo più volte di scivolare.

Per finire un bel tratto pieno di sassi giusto perchè dopo 7 ore e mezza di camminata le ginocchia non vedevano l’ora di essere sollecitate.

E finalmente Timau (e una meritata birretta)!

 

END

 

Questa camminata è molto molto lunga ma veramente piacevole. 

 

Le salite sono abbastanza dolci e i panorami molto vari e belli.

Insomma una camminata che non annoia e con un bel punto ristoro a 3/4 del percorso per fermarsi a mangiare un boccone e riposarsi (se non andate come noi il 15 agosto ovvio 😀 ).

SE FAI QUESTA CAMMINATA, TAGGAMI NELLA TUA STORIES SU INSTAGRAM @THE ITALIAN SMOOTHIE E SUL TUO POST DI FACEBOOK SEMPRE USANDO @THE ITALIAN SMOOTHIE! 


INFO DELLA CAMMINATA AD ANELLO DELLA CRETA DI TIMAU :

 

Partenza: parcheggiato a Timau davanti alla chiesa ma la partenza del sentiero la trovi sulla destra uscendo dal paese ed andando verso il ristorante messicano, Timau, Friuli Venezia Giulia.

Arrivo: Casera Pal Grande, Lago Avostanis, Malga Pramosio, Timau.

Tempi: 7,30 ore

Sentiero: CAI 402

Difficoltà: media

Adatta a chi: camminata lunga ma facile e adatta a tutti.

 


PUOI COMPRARE ALCUNE COSE CHE TI POSSONO SERVIRE PER LE TUE PROSSIME ESCURSIONI QUI:

 

il mio zaino a questo link: https://amzn.to/2IMp2iB

lo zaino leggero da escursionismo a questo link: https://amzn.to/2X3ERvn

il gancio per zaino per portare la reflex in montagna a questo link: https://amzn.to/2InGxH5

lo zaino di Simone a questo link: https://amzn.to/31GyLPU

gli scarponi da uomo a questo link: https://amzn.to/2FlMYIz

gli scarponi da donna a questo link: https://amzn.to/2IMMKeI

Zaino porta bimbo a questo link: https://amzn.to/2RyBo1z

la cartina per questa passeggiata a questo link: https://amzn.to/30TfcT5

l’orologio che misura altitudine e gps a questo link: https://amzn.to/2FgkcJt

la macchina fotografica che uso a questo link: https://amzn.to/31CewmD

Power bank che mi porto sempre dietro a questo link: https://amzn.to/2J1Efwv

 

OPPURE USA QUESTO LINK : 

 


SEGUIMI SU INSTAGRAM @THE ITALIAN SMOOTHIE

E SEGUI LA MIA PAGINA FACEBOOK @THE ITALIAN SMOOTHIE 

Share this:

Related Posts

UN WEEKEND AL LAGO DI MILLSTATT | AUSTRIA

UN WEEKEND AL LAGO DI MILLSTATT | AUSTRIA

Prendere il sole sul lettino, fare trekking in montagna, pranzo nei rifugi, kayak, giri in barca, piste ciclabili che solcano il lago, tanti bagni e non solo. Ecco cosa fare durante una vacanza sul lago di Millstatt am See.    WHERE   Simone aveva sentito parlare […]

Alla scoperta della riserva naturale della Val Alba | Moggio Udinese | Trekking a Cjasut dal Sciôr

Alla scoperta della riserva naturale della Val Alba | Moggio Udinese | Trekking a Cjasut dal Sciôr

SOPRA MOGGIO UDINESE IN FRIULI VENEZIA GIULIA SI TROVA LA RISERVA NATURALE DELLA VAL ALBA, 3000 ETTARI DI BOSCO, SENTIERI, FIUMI E RESTI DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE TUTTI DA VISITARE. Qui troverai trekking facili  adatti a principianti o famiglie e trekking più lunghi e difficili […]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *